Home»Ordine»Migrazione delle PEC dal dominio @epap.sicurezzapostale.it a @pec.epap.it – comunicazione ULTIMA proroga.

Migrazione delle PEC dal dominio @epap.sicurezzapostale.it a @pec.epap.it – comunicazione ULTIMA proroga.

0
Condivisioni
Pinterest WhatsApp

EPAP comunica che, partire dal 1 luglio del 2022, il Consiglio di Amministrazione ha dato seguito alla migrazione delle PEC dal dominio @epap.sicurezzapostale.it a @pec.epap.it .
EPAP ha ritenuto di acquistare il nuovo dominio per due motivi.
Il primo per prevenire eventuali futuri problemi tecnici legati alla titolarità del dominio rendendolo in questo modo autonomo dai provider che forniscono il servizio di PEC, il secondo per rendere ancora più riconoscibile l’istituzione a cui apparteniamo.
L’attivazione del dominio e la successiva migrazione, per quel che riguarda gli obblighi e le competenze dell’Ente, si è conclusa con successo.
Tuttavia diversi iscritti ci hanno rappresentato che alcune PA e/o Tribunali non hanno ancora provveduto ad aggiornare i propri database con le nuove pec dell’EPAP con il rischio di non vedersi recapitare comunicazioni importanti per quanto concerne affidamenti ma anche contenziosi o an cora liquidazioni di fatture.
Per venire incontro alle richieste pervenute, l’EPAP si è fatto promotore verso il provider che gestisce l’operatività delle PEC, per prolungare fino al 30 giugno 2023 l’inoltro automatico delle PEC indirizzate sul precedente dominio @epap.sicurezzapostale.it al nuovo @pec.epap.it, servizio che avrebbe dovuto invece concludersi il 31 dicembre 2022.
Siamo riusciti, grazie alla disponibilità del provider, ad attuare questo ulteriore servizio.

E’ opportuno però segnalarvi fin da ora che tale termine non sarà ulteriormente prorogabile.

Vi invitiamo pertanto a farvi portavoce, presso tutti i soggetti con i quali, a diverso titolo potete avere rapporti, a far effettuare l’aggiornamento della vostra PEC cio’ al fine di non precludervi eventuali occasioni professionali e professionalizzanti.

Con l’occasione, l’Ordine consiglia di aggiornare la propria “Area Riservata” presente nel sito istituzionale, anche correggendo i propri riferimenti mail e pec, in modo da poter essere raggiungibili per comunicazioni di carattere istituzionale.

Articolo precedente

La gestione del Rischio Idrogeologico: dalla Commissione dimenticata (De Marchi) ad oggi. 31 gennaio 2023 ore 15:00

Articolo successivo

Workshop - SiCon2023 Siti Contaminati: Esperienze negli interventi di risanamento Scadenza iscrizioni: limite capienza sala - Crediti APC: richiesti 19 - 8-10 febbraio 2023