Home»Professione»Circolare CNG N° 433: nuovo Codice Deontologico

Circolare CNG N° 433: nuovo Codice Deontologico

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Il Consiglio Nazionale dei Geologi ha approvato con Delibera n. 29/2019 del 21/02/2019 il nuovo Codice deontologico per l’esercizio della professione di geologo in Italia, modificando ed integrando quello approvato nella seduta del 19 dicembre 2006, per adeguarlo alla normativa vigente.
Il Codice Deontologico stabilisce le norme di comportamento che il geologo è tenuto ad osservare in via generale e, specificatamente, nei suoi rapporti con il cliente, con la controparte, con i colleghi e con gli altri professionisti.
Le previsioni deontologiche specificano i doveri e le responsabilità del geologo nei confronti della collettività e dell’ambiente, necessari per garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini, il corretto utilizzo delle risorse e la qualità della vita. A tal scopo i geologi sono tenuti a migliorare sempre le proprie capacità e conoscenze ed a garantire il corretto esercizio della professione secondo i principi di autonomia intellettuale, trasparenza, lealtà e qualità della prestazione. È dovere deontologico primario del geologo svolgere la professione in aderenza ai principi costituzionali ed alla legge, sottrarsi ad ogni forma di condizionamento diretto od indiretto che possa alterare il corretto esercizio dell’attività professionale e, in caso di calamità, rendere disponibili le proprie competenze coordinandosi con le strutture preposte alla gestione delle emergenze presenti nel territorio.
Si invitano gli iscritti a prenderne visione ed a rispettare tutte le norme contenute nel Codice per non rischiare di incorrere in provvedimenti disciplinari.

È possibile prendere visione e scaricare il Codice deontologico sul sito istituzionale dell’Ordine dei Geologi del Lazio, in homepage, al seguente link:

Codice deontologico

Articolo precedente

Preparazione per gli Esami di Stato. "La Geologia nel Mondo del Lavoro" - Dispense

Articolo successivo

Terremoti: Memoria e Prevenzione - Dipartimento di Scienze della Terra - Roma, 14/06/2019